Archivio mensile:gennaio 2013

Informazioni sulla Planimetria catastale

La planimetria catastale, chiamata anche piantina catastale, è la riproduzione grafica in scala 1:200 di un immobile che quale un box auto, un appartamento etc.. La planimetria catastale può essere reperita direttamente attraverso gli sportelli dell’Agenzia del Territorio, e dentro possiamo reperire tutte le informazioni inerenti l’immobile, cioè le lunghezze, le altezze, l’ubicazione, gli immobili confinanti, la distribuzione dei singoli locali all’interno dell’immobile stesso, oltre alla scala di riferimento, ai dati catastali che identificano le unità e al nome del tecnico che ha provveduto all’accampionamento. Si parla in sostanza, di un documento completo tramite il quale è possibile venire a conoscenza di tutto ciò che è relativo a un caratteristico immobile. A partire dal 1° luglio del 2010 la planimetria catastale è è diventato fondamentale ogni qual volta che avviene una compravendita immobiliare, determinando che questo documento deve essere aggiornato e quindi riferire tutte le variazioni casomai subite dall’immobile stesso.
bene specificare che l’accampionamento per correzione deve essere attuato da un tecnico riconosciuto come un architetto, un geometra o un perito industriale.
Per ciò che concerne la richiesta di una planimetria catastale, è opportuno specificare che possono farne domanda i proprietari e i comproprietari dell’immobile, rivolgendosi personalmente o mediante terzi agli sportelli degli uffici catastali. In quest’ultimo caso egli, quest’ultimo deve presentarsi agli uffici munito di una delega e di un documento di riconoscimento. E’ ovvio che per fare richiesta di una planimetria catastale è essenziale avere i identificativi dell’unità richiesta e in caso contrario sarà necessario fare richiesta di una visura catastale su persona fisica

Le fasi della dieta dukan

La Dieta Dukan è la più famosa di tutti i tempi e tra pareri favorevoli e contrari ha fatto il giro del mondo diventando la più richiesta tra le cure dimagranti.
Ma come funziona esattamente questo vero e proprio nuovo regime alimentare? Parliamo di nuovo regime alimentare in quanto ormai esistono delle vere e proprio “ricette dukan” mirate a mangiare mantenendo la linea.
La dieta dukan si suddivide in 4 fasi, le quali servono a perdere peso in maniera tale da non riprenderlo poi successivamente. Le 4 fasi sono: attacco, crociera, consolidamento, stabilizzazione.
Fase d’attacco: questa fase, seppur breve, è di forte impatto e richiede l’assunzione delle sole proteine indicate negli alimenti presenti nel libro o sul sito della dieta. In questa fase, purchè ci si limiti ai 72 alimenti indicati, possiamo mangiare a volontà.
Crociera: questa è la fase durante la quale dobbiamo raggiungere il nostro peso ideale alternando giorni in cui possiamo mangiare solo proteine pure, ad latri dove invece possiamo aggiungere a queste verdure a scelta tra le 28 indicate nel sito.
Consolidamento: questa fase durerà in base al numero di kg persi in quella precedente. Ad ogni Kg corrispondono 10 giorni. Per consolidare il dimagrimento in questa fase verranno reintegrati alcuni alimenti tra cui anche i carboidrati e dunque pasta, pane, riso etc. ma anche legumi e frutta. Tuttavia in questa fase è previsto un giorno a settimana nel quale si devono consumare solo proteine.
Stabilizzazione: in questa fase bisogna aumentare l’attività fisica e consumare crusca al mattino e anche qui un giorno dedicato solo alle proteine.
Queste sono le 4 fasi delle dieta Dukan mirate a far perdere peso e a mantenere la forma raggiunta con sacrificio.